0 0
Tempo di lettura:2 minuti, 56 secondi

Ogni anno il 18 marzo si celebra la Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day) per promuovere la cultura e la consapevolezza sull’importanza del sonno. La giornata è promossa contemporaneamente in ogni parte del mondo dalla World Sleep Society e, in Italia, dall’Associazione Italiana di Medicina del Sonno (AIMS).

Secondo studi recenti sono ben 12.000.000 le persone che soffrono d’insonnia in Italia: difficoltà di addormentamento, frequenti risvegli durante la notte, risvegli precoci la mattina e difficoltà a riprendere sonno. Quasi un Italiano su tre dorme un numero insufficiente di ore e circa 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria. Soprattutto le donne, circa il 60% rispetto al totale. Il 20% dei casi riguarda invece i bambini e minori. Cifre che, secondo gli esperti, sarebbero addirittura raddoppiate dalla pandemia da Covid.

Nella maggioranza dei casi le alterazioni del sonno portano malessere psico-fisico al risveglio, sonnolenza diurna, difficoltà di concentrazione, deficit di memoria e disturbi dell’umore. Dormire poco per lunghi periodi danneggerebbe non solo le nostre abilità cognitive, ma anche il cervello. Le persone che dormono meno di sei ore per notte affrontano un rischio più alto di avere un ictus rispetto a chi dorme di più e, se cronico, il problema contribuisce ad obesità, diabete, ipercolesterolemia e depressione.

La finalità di questa giornata è quindi informare che molti disturbi del sonno sono prevedibili o curabili. Lo pratica dello Yoga, della meditazione ed anche della mindfulness rappresentano un valido aiuto per risolvere i problemi dell’attività che occupa un terzo delle nostre vite.

“Affaticamento cronico, disturbi del sonno, mancanza di energia: sono problemi sempre più diffusi perché il mondo in cui viviamo ci spinge a non riposare mai. Per parafrasare Thich Nhat Hanh, possiamo dire che giorno e notte nella nostra mente resta accesa una radio, la radio Non Stop Thinking, che trasmette in continuazione. Quando andiamo a dormire, anche se riusciamo a prender sonno, la radio non si spegne e ci sveglia durante la notte oppure rende il riposo disturbato”.

Come evitarlo? Affrontando il problema nelle sue molteplici cause e rimuovendole con un’azione sinergica su tre piani: un’adeguata gestione dei flussi mentali durante il giorno,  la pratica quotidiana di alcuni brevi esercizi antistress e, la ripetizione di specifiche meditazioni che riaddestrano la mente a lasciar andare tutto ciò che la trattiene nella veglia.

Per superare i problemi legati alla mancanza di riposo, infatti, non basta  utilizzare una meditazione, una musica rilassante o una pratica di training autogeno prima di dormire: queste soluzioni sono solo un palliativo temporaneo. Possono aiutare a scivolare nel sonno ma non lo migliorano (né eliminano i problemi di risveglio precoce o plurimo), perché la cattiva qualità del riposo non origina nella disposizione della mente quanto andiamo a letto, bensì nella sua cattiva gestione durante la giornata.

Per superare questi problemi ho approntato un kit pensato appositamente per i problemi di insonnia: meditazioni guidate da ascoltare prima di dormire, spiegazioni sui motivi per cui non si dorme, brevi esercizi distensivi diurni, specifiche sessioni di rilassamento profondo serale e una pratica di ipnoinduzione da eseguire a letto: tutto è pensato per agire in  sinergia  e, quindi, coordinato in modo programmatico.

Un programma online completo, con schede pratiche e comodi audio ascoltabili quando e dove si vuole per liberarsi dai problemi di insonnia, difficoltà ad addormentarsi, sonno leggero con risvegli notturni o, ancora, risveglio anticipato al mattino con la sensazione di non essere mai veramente freschi e riposati.

Per maggiori dettagli è possibile consultare il seguente link.

Grazia Pallagrosi

Condividi l'articolo su:
Pin Share

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi