1 0
Tempo di lettura:2 minuti, 40 secondi

La pratica yogica può aiutare l’essere umano in molti aspetti. Le istituzioni intervengano, per inserire la pratica millenaria nelle scuole, nei posti di lavoro, affinchè possa sorgere un nuovo mondo. Più sano, più naturale, nel rispetto di se stessi e dell’universo. La società del consumo e del mondo frenetico e robotizzato porta con se delle problematiche enormi. Del resto l’aumento indescrivibile dell’uso di antidepressivi ecc. deve far altamente riflettere.

La notizia arriva dallo studio Espad condotto dall’Istituto Ifc-Cnr: in Italia è cresciuto il consumo di psicofarmaci senza prescrizione medica nelle fasce di età più giovani, in particolare tra le ragazze tra i 15 e 19 anni. Un fenomeno che la ricercatrice dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionle delle Ricerche (Ifc-Cnr), Sabrina Molinaro, definisce preoccupante.
“C’è un pattern di uso completamente differente rispetto alle altre sostanze, infatti le ragazze consumano più psicofarmaci dei ragazzi. Chiaramente stiamo parlando di misuso, quindi fuori da percorsi di trattamento”, ha chiarito Molinaro. Per la ricercatrice, si tratta di “un mercato”, che comprende soprattutto “benzodiazepine e ansiolitici”, assunti senza prescrizione medica: “Se li procurano” – dice Molinaro all’Ansa – “in parte in casa, in parte attraverso false ricette”.

Il fenomeno non riguarda solo il bel Paese. Negli ultimi anni, in tutta Europa è aumentato il consumo di psicofarmaci nonostante l’alto rischio di assuefazione a cui sono associati. Una situazione resa ancora più grave dagli scarsi investimenti nell’assistenza psicologica, che potrebbe invece costituire una modalità di trattamento più sostenibile. Secondo l’Oms il 25% della popolazione europea soffre di ansia o depressione. Sempre più persone in Ue fanno uso di antidepressivi e ansiolitici e il loro consumo è aumentato in particolare in Spagna, Italia, Croazia e Slovacchia. A partire dal 2010 c’è stato un boom nell’uso di antidepressivi, con un parallelo aumento anche nel numero di persone cui è stato diagnosticato un disturbo ansioso o depressivo. Nel 2017, prima dello scoppio della pandemia, Regno Unito e Portogallo prescrivevano più di 100 dosi giornaliere di antidepressivi ogni 1.000 abitanti, la quota più alta tra quelle dei paesi europei.

Purtroppo sono ancora pochi gli specialisti, che vanno in profondità per capire il problema dalla radice e sono altrettanto pochi gli specialisti che seguendo una concezione olistica consigliano delle valide ed efficaci alternative salutari come lo Yoga, l’ago puntura, massaggi e le sane ed antiche arti marziali. Uno studio da poco pubblicato, condotto dai ricercatori della Boston University, ci racconta che tre sedute settimanali di yoga hanno un effetto positivo notevole sui sintomi della depressione.

E che in realtà anche solo due sessioni a settimana bastano a far sentire dei miglioramenti a chi soffre di depressione cronica. Un altro recentissimo studio elaborato da Jacinta Brinsley, esperta di fisiologia dell’esercizio presso la School of Allied Health and Human Performance della University of South Australia e pubblicato sul British Journal of Sports Medicine, ha dimostrato che coloro che praticano lo yoga avvertono una riduzione dei sintomi depressivi molto superiore a coloro che invece praticano una terapia farmacologica.

Potremmo continuare all’infinito nel ricordare gli studi. Dati importanti, che ancora una volta sottolineano l’importanza dello Yoga nella sua dimensione più totale e profonda dell’esistenza.

Ardas Sadhana Singh (Marco Staffiero)

Condividi l'articolo su:
Pin Share

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi