0 0
Tempo di lettura:18 minuti, 29 secondi

Per molte persone che non hanno studiato approfonditamente lo yoga, le origini del sistema dei chakra possono essere oscure. Persino molti insegnanti di yoga non sono consapevoli della storia e delle origini dei centri energetici nel corpo.

La storia del sistema dei chakra risale alla civiltà della valle dell’Indo, intorno al 1500 e al 500 a.C. Probabilmente il più noto dei sigilli di Mohenjo-daro è quello di “Pashupati
che descrive per la prima volta il sistema dei chakra.

Paśupati o Pashupati (पशुपति), letteralmente “signore del bestiame”.

Il Sigillo raffigurante la divinità della Civiltà della valle dell’Indo identificato come proto-Paśupati in forma antropomorfica, con il pene eretto, forse in una postura “yogica” e il volto a tre facce munito di un’acconciatura a forma di corna. Tale figura, posta su una pedana, è circondata da un bufalo, un rinoceronte, un elefante e una tigre, sotto la pedana sono poste due capre (o forse cervi).

Era questo il periodo in cui lo Yoga veniva praticato sotto la guida diretta del Guru e al suo valore spirituale veniva data particolare importanza. Faceva parte di Upasana e gli esercizi di yoga erano integrati nelle loro tecniche di meditazione.

CHAKRA čàkra cakráh

Chakračàkra〉 [sanscr. cakráh «ruota, cerchio»] – centri energetici che governano funzioni organiche e mentali. Chakra si traduce approssimativamente in “ruota” o “loto”. La parola chakra significa ruota o cerchi di energia mistica.

Il termine chakra si riferisce ai centri psico energetici nel corpo umano sottile o non fisico (Sukshma sharira) scoperti nell’antica India. Sukshma sharira è il corpo sottile all’interno della filosofia dei tre corpi dell’Induismo ed è costituito dall’energia vitale, dal respiro, dalla mente e dall’intelletto.

Quando esaminiamo l’etimologia del termine sanscrito chakra, vediamo quanto il sistema dei chakra sia radicato nelle culture e nelle tradizioni orientali.
Quindi superficialmente si traduce con ruota ma andando più in profondità nelle teorie filosofiche, possiamo vedere i chakra esplorati come vortici sistemici di energia. La pratica mistica dello yoga nell’antica India codificò per prima queste teorie.
E se vogliamo dare una prospettiva più ampia al termine nei testi indù e buddisti, si riferisce anche a oggetti, formazioni o modelli circolari. In altri testi, è tradotto più vicino al termine “disco”. Questo è un tipo di arma divina particolarmente legata al dio Vishnu, un tornio da vasaio o una forma di equipaggiamento militare.

La parola chakra come “ruota” si riferisce anche alle ruote dei carri dei governanti, chiamate cakravartin: un disco o una ruota che gira; un chakra sul corpo umano è un disco rotante o una ruota di energia che scorre lungo la colonna vertebrale.

La parola chakra è stata trovata in uno dei testi più antichi chiamati Upanishad (7-800 a.C.), circa 2700 anni fa e successivamente negli Yoga Sutra di Patanjali (200 a.C.). Le Yoga Upanishad comprendono Shandilya Upanishad, Teja Bindu Upanishad, Jabala Upanishad, Cudamoni Upanishad e Yoga-Shikka Upanishad.
Le Upanishad successive (intorno al 200 a.C. – 200 d.C.) fanno riferimento a concetti tantrici.
Nel X secolo, il Gorakshashatakam (Guru Gorakhnath) diede informazioni sui poteri del risveglio e della meditazione sui chakra.

Bhattacharyya (Krishna Chandra) Filosofo indiano (Serampur, Bengala Occidentale, 1875- 1949) afferma che il chakra si riferisce a:
• Cerchio: simboleggia la rotazione infinita della shakti.
• Una cerchia, o gruppo, di persone. Nei rituali ci sono diversi cakra-sādhanā, un’assemblea che prevede rituali come in quelli tantrici.
• Yantra o diagrammi mistici, come trikoṇa-cakra, o aṣṭakoṇa-cakra.
• Plessi nervosi all’interno del corpo.

Ma i Tantra per primi ne tracciarono una mappa dettagliata, che fiorì dal 600 al 1300 d.C. ed è ancora viva e praticata oggi.

Il successivo sviluppo significativo nella storia dei chakra avvenne nel XVI secolo.
In questo periodo Swami Purananda scrisse lo Sri-Tattva-Cintamini. Il sesto capitolo è chiamato Sat-Cakra-Nirupana. Include descrizioni e pratiche per attivare i sistemi dei chakra, spiegando i poteri e le molteplici funzioni fisiologiche attribuite a ciascun chakra.
Sir John Woodrooffe (Arthur Avalon) tradusse quest’opera all’inizio del XX secolo con il nome di “Il Potere del Serpente” , pubblicato per la prima volta nel 1919.
Il Potere del Serpente è considerato da molti il testo più importante sui chakra e sulla Kundalini. Sir John Woodrooffe (Arthur Avalon) esplora la forza vitale fondamentale che spesso giace dormiente. Questo serpente si avvolge tre volte e mezzo attorno al Muladhara chakra alla base della spina dorsale sottile.

Nello stesso periodo il movimento teosofico introdusse i chakra in Occidente attraverso le opere di Alice Bailey, che erano il prodotto della “comunicazione telepatica con il maestro tibetano Djwhal Khul” .
Inoltre, Charles Webster Leadbeater scrisse il suo libro “The Chakras”. Il libro di Leadbeater è basato sulla tradizione di Madame Blavatsky, la co-fondatrice della Società Teosofica nel 1875;

Leadbeater utilizzò concetti tradizionali del Tantra e della cultura religiosa indiana. Tuttavia, li ha interpretati più liberamente. La sua mescolanza di interpretazioni occulte rese il suo lavoro coerente con le idee dell’epoca.
Il mondo dello yoga non può negare l’influenza che il lavoro di Leadbeater ha avuto sulle comunità spirituali di tutto il mondo. Le illustrazioni nel suo libro “I Chakra” riflettono una prospettiva esoterica sui chakra e ci rivelano che il Tantra tradizionale viveva i chakra come esercizi mentali.
Implicito è che i chakra “hanno un’esistenza oggettiva indipendente nei corpi sottili” e possono essere percepiti da chiunque abbia sviluppato le facoltà appropriate”.
Nella visione esoterica i chakra erano percepiti come vortici di energia all’interno del campo aurico. Tradizionalmente “i chakra sono centri sottili di coscienza”, ma senza uno status energetico proprio.
Leadbeater fu il primo a suggerire che i chakra fossero trasformatori della coscienza. Questa idea è ormai diventata un’interpretazione standard nel mondo occidentale odierno.

IL SISTEMA DEI 7 CHAKRA

Il testo principale sui chakra giunto in Occidente è una traduzione dell’inglese Arthur Avalon (Sir John George Woodroffe) nel suo libro The Serpent Power, pubblicato nel 1919. Questi testi: il Sat-Cakra-Nirupana, scritto da Swami Purnananda nel 1577 e il Padaka-Pancaka, scritto nel X secolo, contengono descrizioni dei centri e delle pratiche correlate. Esiste anche un altro testo del X secolo, chiamato Gorakshashatakam, che fornisce istruzioni per meditare sui chakra. Questi testi costituiscono oggi la base della nostra comprensione della teoria dei chakra e della Kundalini. Questi testi sono stati la principale fonte di informazioni sui chakra per la maggior parte degli studenti occidentali del sistema dei sette chakra principali

Attualmente conosciamo solo il sistema dei sette chakra – o dei sei chakra principali +1 (Sahasrara chakra).
Quindi, il corpo sottile, noto anche come corpo energetico, è costituito da energia sottile che scorre attraverso canali sottili chiamati Nadi.
Il flusso di energia passa all’interno delle nostre Nadi (circa 72.000) e dove si incrociano diverse Nadi, lì si forma un chakra.Un chakra è, quindi, un centro energetico.

Woodroffe descrive i Chakra come centri sottili di azione, delle Shakti o potenze dei Tattva (principi che costituiscono le guaine corporee).
I cinque Chakra inferiori (dal Muladhara a Vishudda) sono i centri dei Bhuta, le cinque forme della materia sensibile. L’Ajna e gli altri centri situati nella regione tra Ajna e Sahasrara sono i centri dei Tattva che costituiscono le guaine mentali, mentre sahasrara o fiore di loto dai mille petali, alla sommità della testa , è la sede di Parama Shiva-Shakti che è lo stato di pura coscienza.

Nel 2005, il Rishi Sri Amit Ray, ha riscoperto i 114 chakra del corpo umano basandosi sulle sue tradizioni orali e su profonde esperienze di meditazione. Per la prima volta identificò i nomi, le posizioni e le funzioni di tutti i 114 chakra. La salute dei propri chakra è direttamente collegata alla salute del benessere fisico, mentale ed emotivo di una persona.

Tuttavia il numero esatto dipende dal sistema applicato.
La maggior parte dei sistemi ora aderisce al sistema principale dei 7 chakra.

Questi sette chakra si collegano alle qualità esperienziali di uno dei sei regni dell’esistenza:

  1. Chakra della radice (Muladhara chakra o primo chakra)
  2. Chakra sacrale (Swadisthana chakra o secondo chakra)
  3. Chakra del plesso solare (Manipura chakra o terzo chakra)
  4. Chakra del cuore (Anahata chakra o quarto chakra)
  5. Chakra della gola (Vishuddha chakra o quinto chakra)
  6. Chakra del terzo occhio (Ajna chakra o sesto chakra)
  7. Chakra della corona (Sahasrara chakra o settimo chakra).

Le tradizioni dell’Induismo menzionano numerosi numeri e disposizioni dei chakra, di cui il sistema classico di sei più uno, l’ultimo dei quali è il Sahasrara, è quello prevalente. Questo sistema in sette parti, centrale nei testi fondamentali dell’ Hatha yoga, è uno dei tanti sistemi presenti nella letteratura tantrica.

COLORI E APERTURE DEI CHAKRA NEW AGE

Trent’anni fa, pochi avevano sentito parlare di chakra. Ora sono entrati nell’uso comune e sono stati sviluppati nuovi concetti e interpretazioni. Questi concetti si ritrovano nelle credenze della mente yogica moderna di molti praticanti e anche molti insegnanti yoga.

All’inizio degli anni ’70, Christopher Hills pubblicò un libro intitolato “Nuclear Evolution” sulla relazione del chakra con lo spettro dei colori, conosciuti anche come chakra dell’arcobaleno. Hills collegò anche i chakra ai tipi di personalità. La sua correlazione è ora diventata mainstream nei circoli New Age e yogici. Né questo né i colori dell’arcobaleno si riferiscono all’intenzione originale del sistema. Gli anni ’70 hanno visto un cambiamento significativo nella storia dei chakra. Questa nuova prospettiva occidentalizzata esplose in popolarità e ormai è diventata un luogo comune.
Il “dogma” standard del chakra odierno è in gran parte privo di insegnamenti tradizionali.
Ad esempio, è comunemente noto che i chakra vibrano con i colori dell’arcobaleno, che possono essere visti su altre persone, che puoi manipolarli con colori, cristalli, essenze floreali, ecc. Idee come il primo chakra riguardano la sopravvivenza e sicurezza, è associato al corpo fisico ed è rosso ed è onnipresente. Queste idee provengono principalmente da un modello amalgamato, messo insieme da vari scrittori New Age e guaritori psichici, che è molto diverso dal sistema originale.

La visione new age dei chakra inventò la famosa frase “aprire i chakra”, che è ancora oggi molto diffusa nelle comunità spirituali contemporanee.
Nella visione tradizionale non si parla mai di “chakra bloccati” ma di “allineamento dei chakra” o di “equilibrio”.
Quando il sistema dei chakra è in allineamento, l’energia scorre attraverso i kosha, mantenendo il corpo fisico e sottile in equlibrio, permettendo all’energia di fluire liberamente in tutto il corpo eterico, portando equilibrio spirituale, mentale ed emotivo.
Di conseguenza, il bilanciamento dei chakra è essenziale in molte pratiche di guarigione moderne.
Il sistema dei chakra ha un ruolo immenso nel miglioramento olistico della salute fisica.
Alcune guarigioni dei chakra sono antiche. Molte altre di queste pratiche, invece, sono molto recenti e quasi prive di fondamento.
Forse molti scrittori New Age scartarono gli aspetti esoterici e culturalmente specifici dei testi tantrici e li sostituirono con le proprie interpretazioni. Questo è esattamente ciò che Sir John Woodroffe, uno dei primi traduttori dei testi tantrici affermò che Charles Leadbeater avesse fatto proprio questo.

Le pratiche new age da alcuni decenni vengono utilizzate da molte persone. Tuttavia, uno studente o ricercatore deve comprendere se sta percorrendo una via tradizionale ricca di principi autentici e secolari oppure di una visione new age, per poter dare valore e significato alla propria pratica spirituale.

CHAKRA NEL TANTRA TRADIZIONALE

Nell’antica tradizione tantrica esistono molteplici sistemi di chakra, poichè il corpo energetico è una realtà altamente fluida. Pertanto, i centri energetici possono essere percepiti in diverse posizioni fisiche come punti di riferimento del corpo sottile.
Per quanto diversi possano essere i sistemi e i lignaggi, concordano tutti sui tre chakra principali: il centro sessuale, il cuore e la testa, centri energetici in cui si sperimenta l’energia psichica.
Quando osserviamo il nostro corpo fisico, tutti gli organi, le ossa e i muscoli sono mappati e presenti. Mentre il corpo energetico scorre ed è di natura molto meno distinta. Lignaggi diversi catturano e sperimentano questo flusso in modo diverso. Ciò che è importante è seguire una pratica che armonizzi il sistema dei chakra e aumenti l’energia della forza vitale.

I tantrici medievali avevano idee sostanzialmente diverse sul sistema dei chakra rispetto a quelle attualmente popolari in Occidente. Ciò è dovuto al fatto che gran parte della prospettiva odierna è stata ampiamente influenzata da una serie di libri pubblicati negli anni ’70 e basati su materiale scritto mezzo secolo prima.Questi testi presentano un sistema pensato per essere utilizzato nella lettura dell’aura e nella guarigione energetica, ma non necessariamente nella pratica dello yoga, e hanno poca somiglianza con gli scritti originali.

I testi tantrici sono densi, oscuri e velati di metafore e richiedono una discreta conoscenza della mitologia indiana per decifrare il codice metaforico. Inoltre ci sono alcune discrepanze su questi simboli nei diversi testi indiani che rendono l’interpretazione complessa.

Uno degli aspetti fondamentali del sistema tantrico tradizionale, che si perde nella traduzione occidentale, è la cosmologia. Per i tantrici, il sistema dei chakra è il frattale microcosmico degli elementi cosmici (mahatattva) dentro ognuno di noi. Secondo i tantrici, il sistema dei chakra organizza il prana e facilita i flussi essenziali di energia sottile che forniscono un modello per la struttura e la funzione dell’intero essere umano: corpo, mente e spirito. I chakra sono il meccanismo attraverso il quale le pratiche yoga aprono progressivamente il percorso per la Kundalini Shakti, la forza vibrazionale più interna, che può quindi rompere i blocchi nel corpo sottile e unire l’individuo con la forza universale della coscienza sui vari livelli di realizzazione spirituale.

Nel sistema tantrico l’idea di ottimizzare la funzione dei propri chakra è legata al portare la vibrazione dei propri elementi individuali in armonia con le vibrazioni cosmiche dell’universo , seguendo il principio “come sopra, così sotto”. Quando vibri in una nota più alta con gli elementi universali, i tuoi chakra sono allineati alla sorgente divina.

Ogni essere umano è un frattale del macrocosmo, quindi i colori che i tantrici percepivano sono quelli che vibrano in armonia con gli elementi cosmici. Nel caso del primo chakra, che è un microcosmo dell’elemento terra, il colore che vibrava con quell’elemento cosmico era il giallo dorato, come un campo di grano al sole.
Il sistema dei chakra tantrici tende a funzionare nel contesto della cultura esoterica in cui è sorto. Colmare il divario tra la comprensione orientale e quella occidentale del corpo sottile non è un compito facile. Ma questo processo potrebbe contenere la chiave per sviluppare modelli utili per comprendere come ottimizzare l’energia sottile nel corpo e sicuramente portare più profondità alla nostra comprensione. Se riuscissimo a comprendere l’applicazione del sistema dei chakra attraverso la lente degli insegnamenti tantrici tradizionali, potrà offrirci un modello più ampio e olistico di salute potenziale e prosperità umana.
Adesso prendiamo in considerazione alcuni lignaggi tantrici tradizionali, affinché possano darci un’autentica prospettiva della visione dei Chakra originale.

SISTEMA DEI 12 CHAKRA del Vijñāna-bhairava
उद्गच्छन्तीं तडित्रूपाम् प्रतिचक्रं क्रमात् क्रमम् |
ऊर्ध्वं मुष्टित्रयं यावत् तावद् अन्ते महोदयः || २९ ||
udgacchantīṃ taḍit-rūpām prati-cakraṃ kramātkramam |
ūrdhvaṃ muṣṭi-trayaṃ yāvat tāvad ante mahodayaḥ || 29 ||

[Immaginate la śakti] che si innalza come un lampo da un centro sottile (cakra) a quello successivo in successione. Quando raggiunge il centro superiore, dodici dita sopra la corona, arriva la Grande Alba [della liberazione]. || 29 || il Vijñāna-bhairava-tantra ha un sistema di dodici cakra.La śakti sale da un cakra all’altro come un fulmine. Può trattarsi semplicemente della descrizione di un’esperienza che si può fare, oppure può essere presa come una prescrizione, cioè come una pratica particolare. “Quando Ella raggiunge il centro più alto”, intendendo il centro più alto in questo sistema, chiamato dvādaśānta, che è sopra la testa con una misura di dodici dita (il significato letterale della parola dvādaśānta) o tre pugni. Quando śakti raggiunge questo centro più alto sopra la testa, il limite superiore del corpo energetico, avviene il mahodaya, la Grande Alba o Grande Sorgente. Mahodaya è un termine utilizzato per la liberazione spirituale o il pieno risveglio.

In un altro verso del Vijñāna-bhairava:
क्रमद्वादशकं सम्यग् द्वादशाक्षरभेदितम् |
ततः शिवः || ३० ||
krama-dvādaśakaṃ samyag dvādaśākṣara-bheditam |
sthūla-sūkṣma-para-sthityā muktvā muktvāntataḥ śivaḥ || 30 ||
Ci sono dodici [centri] in sequenza; propriamente associato a dodici vocali. Fissando la consapevolezza su ciascuno di essi, nelle forme successivamente grossolane, sottili e supremi, e poi abbandonando ciascuno, alla fine, [si diventa] Shiva. ||

Le 6 Yogini del Lignaggio Shakta – Rudrayamala Tantra

Il Tantra indiano associa sei Yogini a sei luoghi nel corpo sottile, corrispondenti ai sei chakra del sistema 6 + 1:

  1. Muladhara Dakini
  2. Svadhisthana Rakini
  3. Manipura Lakini
  4. Anahata Kakini
  5. Vishuddhi Shakini
  6. Ajna Hakini

La metodologia dei Chakra è ampiamente sviluppata nella tradizione tantrica della dea chiamata Shaktismo. È un concetto importante insieme agli yantra, ai mandala e ai mantra. Chakra nel tantrismo Shakta significa cerchio, un “centro energetico” all’interno, oltre ad essere un termine per rituali di gruppo come nel chakra-puja (adorazione all’interno di un cerchio) che possono o meno coinvolgere la pratica del tantra.

I Chakra e le 64 Yogini del lignaggio Kaula – Kaulajnana Nirnaya Tantra

Ci sono più sistemi di chakra nella tradizione tantrica di quanto la maggior parte delle persone possa immaginare. Uno dei più antichi appare nel capitolo nove del Kaulajnana Nirnaya, attribuito a Siddha Matsyendranath: il progenitore del lignaggio Kaula. In questa visione il sistema dei chakra è ottuplice. Ciascuno dei loti ha otto petali e questi rappresentano le 64 yogini, famose a Kamarupa.

“La lettera ksa è nel Brahmarandhra, la sulla fronte, ha tra gli occhi, sa in bocca, sa in gola, sha nel cuore, va nell’ombelico e ha nei genitali. Mio caro, ascolta la meditazione collettiva in questi luoghi dei chakra.

“Il primo degli otto è un loto celeste a otto petali di puro fulgore cristallino, un fuoco o fiamma celeste, completamente senza macchia, libero da ogni dualità, dai fuochi della crudeltà, privo persino del nulla. Si dovrebbe evitare la perturbazione e praticare l’equilibrio (Sama) coscienza. Uno che vede anche oltre il futuro, uno con il cerchio infinito del tempo, avendo conoscenza di ciò che viene detto a distanza, in grado sia di concedere doni che di paralizzare, con la capacità di catturare e soggiogare i pashu, distruggerli o ucciderli. Sincero e in equilibrio, diventa eloquente, un Siddha e capace di fare qualsiasi cosa.

“Si dovrebbe meditare sul secondo come se avesse otto petali, luminosi come una bella fiamma pura. Si vince la morte e si diventa causa di grande eccitazione. Meditando in modo concentrato su questa forma multiforme si diventa un imperatore tra i Re, facendo qualunque cosa e distruggere tutto nei tre mondi, sia animati che inanimati – come Kruddha, la causa sia della creazione che della dissoluzione, sempre impegnato nell’amore.

“Il terzo grande chakra è il liberatore dai nove tattva. Dopo aver meditato sul Guru in quel chakra per sei mesi, otterrò ciò che desidero, distruggo la vecchiaia, sarò in grado di vedere a distanza, in grado di ostruire, anche se distante cento yojana. In un luogo solitario si dovrebbe meditare su quella forma multiforme.

“Il quarto chakra è la casa della pace, della felicità e del piacere. Meditando sempre su di esso si diventa immortali, eloquenti, vittoriosi sulla morte e sulla malattia. Praticandolo quotidianamente, si fa fuggire la morte. Con la pratica continua per un periodo di sedici stagioni si diventa capaci di distruggere in un giorno e una notte.
“O Surasundari, il quinto grande loto ha otto petali. Si dovrebbe sempre meditare su di esso perché è di un colore fumoso, poi si possono scuotere i tre mondi. Causa eloquenza ed evita la morte prematura, permette di schiavizzare e paralizzare .
“Se si medita devotamente sul sesto chakra reale, ardente, con un pericarpo di otto petali, brillante come l’oro liquido provoca Iccha Siddhi, esso consente di vedere nel futuro, dando Anima e gli altri sette siddhi – Di questo non c’è dubbio.

“Caro Mahadeva, il settimo è luminoso come la luna piena, di buon auspicio, all’interno del corpo, donando sia godimento che liberazione, distruggendo febbre e morte, permettendo a qualcuno di entrare nel corpo di un altro. cosa non si può fare? Si diventa il migliore dentro di sé una cerchia di persone. “Il Signore dagli Occhi Belli, l’ottavo grande chakra, adornato con otto petali, dona Dharma, Artha, Kama e Moksha.”
Ci sono molteplici ragioni che spiegherebbero la differenza del numero nei diversi sistemi. La descrizione effettiva di un particolare chakra è più importante per uno studente ai fini di studi comparativi. Ma anche qui ci sono alcune limitazioni fatali. Ad esempio, lo stesso chakra potrebbe non apparire esattamente uguale a diversi sadhaka (aspirante spirituale). Il sankalpa (proposito-intenzione) personale dell’aspirante, sia conscio che inconscio, e quello del suo Guru contribuiscono notevolmente a determinare le caratteristiche della Visione. La realtà osservata è, in un certo senso, soltanto ideale.

Chakra nella Visione Contemporana

Nella visione moderna, i chakra sono spesso collegati a centri nervosi, ghiandole, organi principali del corpo, e si associa ciascuno dei sette chakra a diverse abilità, espressioni, stati di salute e stati psicologici della mente. I chakra bilanciano due forze opposte. L’equilibrio tra l’eccitazione e l’inibizione dei chakra è cruciale per una cognizione e un comportamento sani.
Il simbolismo originale dei Chakra è cambiato e si è evoluto per fornire significati che possiamo comprendere e accessibili alle menti degli esseri umani contemporanei. Questo cambiamento è derivato principalmente da prospettive occidentali.
Ma anche nel 21° Secolo possiamo interpretare la nostra esistenza come esseri spirituali attraverso la conoscenza dei chakra, poiché questo sistema stabilisce una relazione e un ponte invisibile tra macrocosmo e microcosmo, una porta per aiutarci a comprendere noi stessi. Questa comprensione sostituisce la visione materialista del mondo moderno di considerarci semplicemente carne, sangue e ossa.
Spero che questa mia breve e non esaustiva ricerca, possa aiutare a chiarire parte dell’oscurità che circonda la storia, le origini, il significato dei chakra, facendo luce su quanti misteri rimangono ancora avvolti nel buio per la maggior parte dell’umanità.

Ahaṁ Brahmāsmi अहं ब्रह्मास्मि
Io Sono Divino

Maya Swati Devi
Yogini e Maestra di Tantra Yoga Kaula e Shakta

Condividi l'articolo su:
Pin Share

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi