Correre tutto il giorno, andare avanti ed indietro come dei matti, lavorare moltissime ore a settimana, gestire ritmi frenetici ed incessanti… questa è la giornata media di qualunque individuo, siamo abituati ad essere multitasking e nessuno vuole rinunciare a nulla: lavoro, palestra, famiglia, amici e vita sociale!

Il risultato? Un livello di stress molto elevato ed ancor peggio la mancata capacità di concentrarsi, approfondire e dedicare tempo ed attenzioni a ciò che è veramente importante. Essere multitasking è una caratteristica imposta dalla società moderna, ma al contrario di ciò che si pensa non è un elemento positivo e non apporta alcun beneficio di tipo psicofisico.

Quando sottoponiamo il nostro corpo e la nostra mente a troppi impegni ed a troppe attività si stimola enormemente il Sistema Nervoso Simpatico (quello per così dire eccitante) ed automaticamente aumenta la produzione di una proteina chiamata citochina e di un ormone chiamato cortisolo (l’ormone dello stress) entrambi responsabili di un processo infiammatorio a livello cellulare. Qualora lo stato infiammatorio permane nel tempo, oltre a indurre un invecchiamento accelerato ed a renderci più tendenti alla depressione, si rischia di contrarre diverse malattie tra cui i tumori.

E’ facilmente intuibile che la società in cui viviamo ci sottopone a frequenti fattori stressogeni poiché veniamo continuamente iper stimolati, la buona notizia è che diversi studi hanno scientificamente dimostrato che le persone che praticano Yoga e Meditazione riscontrano una diminuzione del processo infiammatorio godendo di molteplici benefici a livello molecolare… insomma un vero elisir che ci permette di preservare corpo e mente in ottima salute!

Frequentemente si tende ad accorpare le due attività, ma Yoga e Meditazione sono pratiche differenti: lo Yoga è una disciplina fisica antichissima e millenaria che attraverso le Asana, il Pranayama e la pratica in generale aumenta il livello di consapevolezza psicofisico.

La Meditazione, invece, è uno stato di coscienza privo di pensieri, diciamo che “non si fa meditazione, si è in meditazione…la si può identificare con uno stato di profonda pace che si raggiunge quando la mente si acquieta pur rimanendo completamente vigile. Pur essendo attività differenti spesso si sente parlare di Meditazione Yoga perché se meditiamo durante o alla fine della pratica si riescono ad ottimizzare i benefici provenienti da entrambe. Personalmente reputo già la pratica Yoga una forma di meditazione: la concentrazione elevata, la gestione del respiro, l’attenzione al movimento…fanno in modo che la mente sia libera dai pensieri pur rimanendo ovviamente vigile! Se consideriamo che la mente in generale (ed ancor di più quella di stampo occidentale) viene paragonata ad una scimmia irrequieta e dispettosa, inserire alcuni elementi meditativi all’interno di una pratica fisica ci permette di rendere accessibile qualcosa che per noi occidentali è quasi irrangiungibile… ovvero la pulizia mentale e l’assenza di pensieri.

COME INIZIO A MEDITARE?

E’ ovviamente una pratica da apprendere poco alla volta, basta ritagliarsi pochi minuti al giorno e trovare il luogo ed il momento adatto. Come in tutte le discipline esistono, se non delle regole, delle modalità:

  • SEDERSI CON LA SCHIENA DRITTA: teoricamente dovremmo essere nella posizione del loto ovvero con le gambe allacciate e la schiena dritta, ma non è una postura accessibile a tutti, rischieremmo di avere fastidi alle anche ed alle ginocchia e l’attenzione si focalizzerebbe sul dolore, possiamo sederci su una sedia, con i piedi in appoggio al pavimento e concentrarci soprattutto sulla verticalità della colonna.
  • RILASSARE IL CORPO: una volta trovata la giusta posizione, la tecnica di meditazione yoga prevede di rilassare il corpo e di concentrarsi e focalizzarsi su ogni sua singola parte, dal basso all’alto. Si inizia dai piedi, dalle gambe, fino al busto ed alle braccia, e via di seguito.
  • RESTARE SEDUTI IN SILENZIO: è lo step successivo in cui si rimane immobili ed in silenzio prendendo consapevolezza del corpo e dello spazio.
  • RESPIRARE PROFONDAMENTE: si utilizza il diaframma per effettuare respirazioni molto profonde immaginando i polmoni che si gonfiano e sgonfiano.
  • UTILIZZARE UN MANTRA: ripetere una vocale, una consonante o una frase rilassa molto la mente, favorisce la concentrazione, acquieta i pensieri ed elasticizza moltissimo il diaframma.

…”Ho provato, ma dopo due minuti stavo impazzendo, non riesco e non fa per me”…

questa frase l’ho sentita milioni di volte ed in un certo senso è legittima! Non è opportuno scoraggiarsi o ritenere un’attività non idonea, è già un ottimo risultato aver provato ed essersi ritagliati questo piccolissimo spazio poi, come in ogni cosa, sarà la costanza e la continuità a premiare. Sembra incredibile, ma è un allenamento anche riuscire a fermarsi ed è normalissimo incontrare difficoltà iniziali poiché sono stimoli anomali a cui non siamo abituati, soprattutto in una società che educa ad essere iper attivi. Ma in questo particolare periodo storico, in cui è necessario modificare le proprie abitudini, restare a casa e spostarsi il meno possibile, possiamo cogliere l’occasione per ritagliarci un angolo di pace e per entrare in contatto con un ritmo diverso… un’occasione per ripulire la mente dalle dannose sovrastrutture e per realizzare un vero e proprio reset.

La meditazione è una disciplina e di conseguenza va praticata costantemente e quotidianamente, bastano pochi minuti al giorno e dopo un po’ di tempo potremo godere degli innumerevoli benefici: una mente più lucida, un rafforzamento delle difese immunitarie e minore incidenza di malattie cardiache, maggiore consapevolezza e conoscenza di se’ stessi e riduzione di stress, ansia e depressione… e come dico sempre io “Provare per credere!”

Augurando di tornare quanto prima alla normalità e di risollevarci da questo momento durissimo invito ancor di più a praticare ed a meditare, sarà utilissimo per gestire questo momento estremo e magari l’occasione per avere un risveglio emotivo e per imparare ad apprezzare tutto ciò che fino ad ora ci è parso banale e scontato!

Arianna Toce

Insegnante certificata di Hatha Yoga, Vinyasa Yoga, Personal Trainer presso Aktivarium S.R.L

Condividi l'articolo su:
0
fb-share-icon0
20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi