2 0
Tempo di lettura:5 minuti, 40 secondi

Il caldo estivo richiede un “rimedio rinfrescante” per la pratica quotidiana sui nostri tappetini. La Sequenza della Luna di Megha Nancy Butternheim* “è una meditazione e preghiera che onora il sacro e il femminile in ogni aspetto e natura dell’essere” come spiega l’autrice, (insieme alle altre Chandràs Sequences, rispettivamente create da Matthew Sweeney e Gabriella Cella) è stata insegnata e praticata in quasi tutte le città d’Italia per omaggiare le 3 Superlune del 2021. *Qui ne propongo una versione Flow dall’effetto “restorative” per controbilanciare le pratiche di yoga dinamico basate sui Saluti al Sole. La sua peculiarità consiste negli allineamenti “laterali” degli asana; assetto funzionale che rompe gli schemi tradizionali di come fluire da un asana all’altro; in una progressione geometrica che assume via via diverse “facce della luna”.

L’intuito è una guida nella pratica di Chandra Vinyasa

La Luna influenza moltissimo la terra e le sue creature; il suo potere ”rinfrescante e antiinfiammatorio” lavora in profondità dentro i tessuti del nostro corpo fino agli organi interni oltre a risvegliare gli aspetti della mente onirica, inconscia, irrazionale e intuitiva. La Luna usa la notte per riflettere la luce del Sole, ciò che illumina sono le nostre “parti in ombra” fisiche e psichiche. La ragione e l’energia diurna non possono attingere al suo “invisibile” potere; con Chandra Vinyasa si canalizzano, nella pratica yoga, quelle potenzialità personali delle nostre facoltà occulte e latenti.

In questo Vinyasa le transizioni laterali mostrano un nuovo modo di usare lo spazio sul tappetino dunque preparate due tappetini contigui formando una linea orizzontale e iniziate dopo il tramonto per usufruire dell’energia del buio. Affidatevi al ritmo lento e profondo del Respiro Ujjayi, non forzate in alcun modo gli asana, concedetevi una pratica di “ascolto e accettazione” favorendo la graduale apertura che sentirete arrivare nelle anche e nelle spalle,esattamente dove il corpo e la mente ,di giorno, accumulano maggiormente lo stress e le tensioni muscolari.

Vediamo la pratica nel dettaglio:

1. Tadasana


Inspirare e distendere le braccia verso il cielo. Espirare con un piegamento laterale verso destra,lato del fianco sinistro in espansione (3 respiri). Inspirare e tornare al centro con il busto facendo attenzione ad usare l’energia nell’addome e il radicamento dei piedi piuttosto che forzare i muscoli della schiena.Espirare con un piegamento laterale a sinistra (3 respiri). Inspirare e tornare con il busto al centro

2. Utkata Konasana

Inspirare aprire le braccia, compiere un grande passo, laterale, con la gamba destra per entrare nella postura della Dea. Espirare, sollevare i talloni e contemporaneamente piegare le ginocchia e i gomiti (3 respiri). Per aumentare la stabilità del tronco, ruotare il bacino in “dog tilt.**

3. Trikonasana

Inspirare aprendo le braccia. Espirare inclinare il busto a destra, con la mano sinistra in alto
(3 respiri)

4. Piramide

Inspirare, spostare entrambe le mani sul collo del piede destro, schiena parallela al pavimento (3 respiri)

5. Parsvottanasana

Espirare, ginocchia estese, piegamento del busto verso la gamba destra (3 respiri)

TRANSIZIONE: Inspirare, compiere un passo indietro sollevando solamente la gamba sinistra

6. Anjaneyasana

Inspirare, ruotare il bacino verso il ginocchio destro piegato in affondo: sollevare le braccia verso il cielo e rilassare a terra il ginocchio sinistro
(3 respiri) stretching del muscolo Ileopsoas

7. Skandasana

Inspirare, ruotare il busto senza spostare le gambe, tenendo le mani a terra: Postura del Dio Combattente (ginocchio destro flesso) gamba sinistra estesa fino alla punta dei piedi (3 respiri)

TRANSIZIONE:inizio della sequenza a ritroso, asana dopo asana.

da Skandasana Inspirare poggiare le mani a terra,senza spostare i piedi, sollevare quanto basta il bacino per “traslare” il peso a sinistra.

Quindi si ripete simmetricamente:

8. Skandasana
Espirare (ginocchio sinistro flette) distendere la gamba destra spingendo nella punta del piede, solo il tallone tocca terra (3 respiri). Ad ogni espirazione cedere verso il basso, non trattenere, lasciarsi andare all’apertura dell’interno cosce anche se gli inguini fanno molta resistenza!

9. Anjaneyasana
Inspirare, ruotare il bacino verso il ginocchio sinistro piegato in affondo: sollevare le braccia verso il cielo e rilassare a terra il ginocchio destro
(3 respiri)

TRANSIZIONE: Inspirare, compiere un passo indietro sollevando solamente la gamba destra

10. Parsvottanasana
Espirare, ginocchia estese, piegamento del busto verso la gamba sinistra (3 respiri)

11. Piramide
Inspirare, schiena parallela al pavimento, compensare la rotazione in “cat tilt” *** del bacino, con il petto che spinge in avanti:attenzione a non lavorare con i muscoli del collo, prendere Uddyana e Mula Bandha connettendole alla direzione dell’allineamento col respiro profondo.
(3 respiri) rilassare anche i muscoli del viso e della mascella

12. Trikonasana
Inspirare aprendo le braccia. Espirare inclinare il busto a sinistra, con la mano destra in alto
(3 respiri)

TRANSIZIONE: Inspirare e portare il busto al centro

13. Utkana Konasana
Espirare, sollevare i talloni e contemporaneamente piegare ginocchia e gomiti (3 respiri), per avere stabilità compensare con il bacino ruotato in “dog tilt”

TRANSIZIONE: Inspirare compiere un passo con la gamba sinistra verso il piede destro

14. Tadasana
Espirare e congiungere le mani in Anjali Mudra (3 respiri).

RIPETERE L’INTERA SEQUENZA iniziando a flettere il busto con il primo piegamento laterale verso sinistra (lato del fianco destro in espansione).

Rilassamento finale

Seduti/e in Siddhasana con uno o due mattoncini sotto i glutei e la schiena allungata contro il muro Inspirare ed espirare lentamente ascoltando l’apertura articolare nelle anche e nelle spalle. Lasciare che tutte le emozioni e sensazioni fluiscano ad ogni espirazione. Mantenere questa postura fino a quando il vostro corpo vi chiede di rilassarsi completamente in Shavasana nella posizione del cadavere, rilassare tutto il corpo per alcuni minuti,come un seme a terra aspettiamo che la luce della Luna pervada tutto anche i pensieri.

Chandra ci insegna ad ascoltare, a lasciar andare a NON FARE RESISTENZA e ad accettare la gioia e il benessere che arrivano senza la forza.
Sentirete sciogliersi o scomparire, tutti gli attaccamenti al passato e tutte le ansie e le preoccupazioni del futuro e al loro posto entreranno armonia e fascino.

Bibliografia

* Omaggio alle Superlune del 2021 ,un concept di Noemi Giardini (Pura Vida Yoga ) che ha riunito da tante città d’Italia, insegnanti e allievi per eseguire “in contemporanea” la stessa pratica di yoga

** Kripalu Yoga, Chandra Namaskara di Megha Nancy Butterneim.

*** Definizione di “Cat & Dog Tilt “ dal testo didattico per il Corso Formazione Insegnanti “Vinyasa yoga Flow 250RYS PLUS” creata da Janine Claudia Nizza per HaraBenessere. Roma

Om Shanthi Namaste,

testo e disegni di Janine Claudia Nizza

Se siete interessati potete partecipare ad una Vacanza/Studio con Janine per praticare questa e molte altre sequenze insieme!

Sei interessato a conoscere altri Vinyasa di Janine? Li puoi trovare qui:

Condividi l'articolo su:
Pin Share

Average Rating

5 Star
100%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

4 thoughts on “The Refreshing Side of the Moon

  1. Ringrazio dal cuore Stefano Orlandi che ha creato un’impaginazione dei miei disegni e del testo perfettamente sincrona e molto Flow 🙏🌷inoltre lo ringrazio x aver dato a voi lettori molti spunti per conoscerci meglio attraverso la vacanza studio e le sequenze Vinyasa uscite precedentemente🌹 Vi auguro una splendida estate di refreshing practice per la super luna che apparirà il 14 luglio nei cieli estivi🕉️🙏🌷 Om Shanthi namaste 🌸

    1. Un grazie a te Janine, per le tue belle parole, per la tua gentilezza, per i tuoi articoli preziosi e per tutta la passione che ci metti ogni volta!

  2. Ho amato questo articolo di Janine Claudia Nizza non solo perché riesce sempre a regalare bellissime perle sullo yoga attraverso il suo empatico e coinvolgente modo di scrivere e i suoi quadri che mi lasciano sempre senza parole ma anche perché stavolta tutto questo l’ho sentito un po’ “mio” in quanto lei ha citato gli eventi sulle superlune che ho ideato l’anno scorso e che hanno visto la partecipazione di tantissimi insegnanti in tutti Italia. Infinitamente grata di essere stata ricordata da lei sulla vostra rivista.

  3. Janine grazie per questi approfondimenti che ci regali e che danno più consapevolezza alla pratica che ho la fortuna di fare con te regolarmente. Sei una grande e brava insegnante oltre ad essere un’artista d’eccezione, i disegni sono stupendi. Grazie di cuore, Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi